Uno spazio protetto. Culla primordiale, il nido rappresenta la casa in natura.

La prima casa di una stupenda ragazza che esce dalla casa di famiglia per spiccare il volo. Il risultato di grande prestigio è stato determinato dal fortunato incontro con una committenza speciale, con la quale c'è stata subito intesa e grande coinvolgimento.

La realizzazione concretizzata da una validissima impresa, precisa, puntuale, composta da maestranze di grande esperienza.

Come in un caleidoscopio, le geometrie sono state scomposte, ribaltate, ricomposte in forme nuove, generando un racconto inaspettato e coinvolgente.

Lo stato di fatto presentava una sola camera da letto e un bagno molto grande.

La “sfida” progettuale era quella di ottenere, mantenendo come da stato di fatto il soggiorno e la camera matrimoniale essendo già adeguate alle esigenze della committenza, una seconda camera matrimoniale e due bagni di adeguate dimensioni.

L'impegno progettuale è stato quindi concentrato sulla ridefinizione degli ambienti cucina, bagni e ripostiglio ripensando nuove distribuzioni.

Studiando i nuovi spazi, le controsoffittature, disponendo gli arredi nuovi, realizzando nuovi rivestimenti ed inserendo elementi di arredo e complementi.

Geometria e luce sono gli elementi che caratterizzano questo progetto di ristrutturazione di un appartamento di circa 100 mq.

Per il soggiorno è stata ripensata la distribuzione delle funzioni invertendo la zona pranzo con quella living in modo da liberare le finestre rendendole apribili e accessibili e portando la zona pranzo più vicina e comoda alla cucina.

Prima dell'intervento la stanza presentava il difetto di non avere libero accesso a una finestra e una porta finestra, in quanto i divani vi era collocati di fronte. In uno spazio tanto ampio e luminoso così fortemente definito alla luce del giorno, non si poteva trascurare questo aspetto.

Da non sottovalutare comunque lo studio della luce artificiale, infatti la sera tutto cambia!

Nella soluzione progettuale adottata ho previsto di posizionare pochi corpi illuminanti di arredo opportunamente posizionati e valorizzati. I Controsoffitti luminosi sia in cucina che nei bagni.

Un ribassamento perimetrale per i bagni e a disegno per la cucina permettono di alloggiare due fonti luminose diverse: faretti a incasso e strisce a led lungo il bordo, nell’intercapedine tra plafone e controsoffitto. In cucina strisce a led visibili come ad indicare un percorso.

Questa varietà degli apparecchi luminosi utilizzati, opportunamente comandati, ci ha consentito di realizzare numerosi scenari luminosi adatti alle diverse esigenze.

Due bagni confortevoli caratterizzati da sfumature candide e l’essenzialità dei rivestimenti nel bagno padronale è stata sfruttata la conformazione della stanza per creare una cabina doccia in muratura, grande ed accogliente. Gli specchi su misura amplificano e moltiplicano gli elementi.

La tenue palette sui toni del tortora e del grigio e le leggiadre strisce affascinano camera, i colori tenui, con un’ampia prevalenza del bianco nelle finiture, rendono luminosi gli ambienti e scaldano la casa. Un’esigenza prioritaria del progetto è stata quella di enfatizzare la luminosità degli ambienti.

La cucina, focolare della casa, è stata ridotta in dimensioni sfruttando al meglio lo spazio, ripensata per rendere gli ambienti il più possibile funzionali e fruibili. Sono state create due comode pareti attrezzate e un vero angolo “nido” nella zona pranzo. Studiata nei minimi dettagli una seduta a panca che con la sua forma a U crea simbolicamente un grande abbraccio.

Forma che accoglie e invita alla condivisione e alla socialità, per sedersi … per rimanere sospesi e ricordarsi di sognare! Come un angolo segreto dove rifugiarsi e apprezzare la lentezza ...